Formazione Formatori per la Sicurezza

Descrizione

Il percorso formativo “Formazione Formatori per la Sicurezza sul Lavoro” qualifica le persone che esercitano il ruolo di Formatore per la Sicurezza sul Lavoro all’interno delle organizzazioni.
Il corso offre l’opportunità a persone esperte in tema di sicurezza sul lavoro di acquisire e sviluppare le competenze per progettare, erogare e valutare con efficacia interventi formativi in materia di salute e sicurezza.
La partecipazione al percorso formativo è valida a tutti gli effetti come aggiornamento RSPP e ASPP per tutti i macrosettori “Ateco”.
Consente inoltre di acquisire uno dei criteri stabiliti dalla Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro (art. 6, c.8, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i; Decreto interministeriale 6 marzo 2013)

Obiettivi

Il corso consentirà ai partecipanti di: Saper condurre con efficacia l’intervento formativo dal punto di vista sia della qualità della comunicazione, sia della gestione delle dinamiche di gruppo e della conduzione d’aula; Saper verificare il grado di efficacia dell’intervento formativo attuato; Sperimentare e verificare sul campo i punti di forza e le aree di miglioramento del proprio modo di “fare formazione” e definire un piano d’azione per applicare le tecniche apprese e sviluppare le proprie qualità di formatore per la sicurezza.

A chi si rivolge il corso

Formatori alla sicurezza, dipendenti aziendali, liberi professionisti, docenti che nell’espletamento delle loro attività si trovino a dover formare altre persone, ASPP e RSPP che devono adempiere all’obbligo di aggiornamento quinquennale.

Programma didattico

    Prima Giornata
  • Presentazione docente, percorso formativo e partecipante
  • Raccolta e condivisione aspettative
  • Ruolo del formatore
  • Apprendimento degli adulti (Knowles)
  • Stili di apprendimento (Kolb)
  • Che cos’è il processo formativo: caratteristiche e soggetti coinvolti
  • La formazione e le sue diverse tipologie
  • Le fasi del processo formativo: analisi della domanda, progettazione, realizzazione e valutazione dell’intervento
  • Un esempio di formazione esperienziale: l’outdoor
  • L’apprendimento esperenziale: cosa è e come condurre il de-briefing
  • Come imparare a comunicare al meglio: le regole base della comunicazione e la capacità di influenzare
  • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

  • Seconda Giornata
  • La macro e la micro-progettazione: le fasi
  • Definizione di un obiettivo di apprendimento: l’obiettivo SMART
  • Project Work: dalla teoria alla pratica nella progettazione
  • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati
  • Metodologie Didattiche
    • Espositiva:
      • La lezione frontale: quando farne uso, vantaggi e svantaggi
    • Esperienziale:
      • Legare l’apprendimento all’esperienza, le motivazioni e i valori, partendo da casi reali
  • Loro applicazione nella distanza (FAD)
    • Utilizzo delle piattaforme
    • Accorgimenti necessari per una migliore partecipazione
  • Tecniche e strumenti utili per aumentare il coinvolgimento e l'apprendimento
    • Cenni di neuroscienze e psicologia cognitiva applicate all'apprendimento (Olav Schewe)
    • Strumenti per la partecipazione attiva a distanza (stanze, lavagne condivise, sondaggi interattivi, verifiche dell’apprendimento basate sul gioco)
    • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

    • Terza Giornata
    • Come applicare il processo della formazione ai temi della salute e sicurezza
    • Abilità di comunicazione e public speaking
    • La gestione dell’aula: il P.A.M.O.R.
    • La gestione delle emozioni sia in FAD che nella conduzione in aula
    • Project work-dalla teoria alla pratica: presentazione in aula
    • Simulazioni, feedback e condivisioni
    • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

Formazione Formatori per la Sicurezza

Descrizione

Il percorso formativo “Formazione Formatori per la Sicurezza sul Lavoro” qualifica le persone che esercitano il ruolo di Formatore per la Sicurezza sul Lavoro all’interno delle organizzazioni.
Il corso offre l’opportunità a persone esperte in tema di sicurezza sul lavoro di acquisire e sviluppare le competenze per progettare, erogare e valutare con efficacia interventi formativi in materia di salute e sicurezza.
La partecipazione al percorso formativo è valida a tutti gli effetti come aggiornamento RSPP e ASPP per tutti i macrosettori “Ateco”.
Consente inoltre di acquisire uno dei criteri stabiliti dalla Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro (art. 6, c.8, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i; Decreto interministeriale 6 marzo 2013)

Obiettivi

Il corso consentirà ai partecipanti di: Saper condurre con efficacia l’intervento formativo dal punto di vista sia della qualità della comunicazione, sia della gestione delle dinamiche di gruppo e della conduzione d’aula; Saper verificare il grado di efficacia dell’intervento formativo attuato; Sperimentare e verificare sul campo i punti di forza e le aree di miglioramento del proprio modo di “fare formazione” e definire un piano d’azione per applicare le tecniche apprese e sviluppare le proprie qualità di formatore per la sicurezza.

A chi si rivolge il corso

Formatori alla sicurezza, dipendenti aziendali, liberi professionisti, docenti che nell’espletamento delle loro attività si trovino a dover formare altre persone, ASPP e RSPP che devono adempiere all’obbligo di aggiornamento quinquennale.

Programma didattico

    Prima Giornata
  • Presentazione docente, percorso formativo e partecipante
  • Raccolta e condivisione aspettative
  • Ruolo del formatore
  • Apprendimento degli adulti (Knowles)
  • Stili di apprendimento (Kolb)
  • Che cos’è il processo formativo: caratteristiche e soggetti coinvolti
  • La formazione e le sue diverse tipologie
  • Le fasi del processo formativo: analisi della domanda, progettazione, realizzazione e valutazione dell’intervento
  • Un esempio di formazione esperienziale: l’outdoor
  • L’apprendimento esperenziale: cosa è e come condurre il de-briefing
  • Come imparare a comunicare al meglio: le regole base della comunicazione e la capacità di influenzare
  • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

  • Seconda Giornata
  • La macro e la micro-progettazione: le fasi
  • Definizione di un obiettivo di apprendimento: l’obiettivo SMART
  • Project Work: dalla teoria alla pratica nella progettazione
  • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati
  • Metodologie Didattiche
    • Espositiva:
      • La lezione frontale: quando farne uso, vantaggi e svantaggi
    • Esperienziale:
      • Legare l’apprendimento all’esperienza, le motivazioni e i valori, partendo da casi reali
  • Loro applicazione nella distanza (FAD)
    • Utilizzo delle piattaforme
    • Accorgimenti necessari per una migliore partecipazione
  • Tecniche e strumenti utili per aumentare il coinvolgimento e l'apprendimento
    • Cenni di neuroscienze e psicologia cognitiva applicate all'apprendimento (Olav Schewe)
    • Strumenti per la partecipazione attiva a distanza (stanze, lavagne condivise, sondaggi interattivi, verifiche dell’apprendimento basate sul gioco)
    • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

    • Terza Giornata
    • Come applicare il processo della formazione ai temi della salute e sicurezza
    • Abilità di comunicazione e public speaking
    • La gestione dell’aula: il P.A.M.O.R.
    • La gestione delle emozioni sia in FAD che nella conduzione in aula
    • Project work-dalla teoria alla pratica: presentazione in aula
    • Simulazioni, feedback e condivisioni
    • Diario di bordo: quali apprendimenti realizzati

Analisi degli eventi per la salute e sicurezza

Analisi degli eventi per il miglioramento della sicurezza: dati e modelli

Descrizione

Valido ai fini dell’aggiornamento per ASPP/ RSPP/DATORI DI LAVORO/DIRIGENTI/PREPOSTI/RLS
L'analisi degli Eventi (incidenti, near miss, ma non solo...) è uno dei principali strumenti previsti anche dai Sistemi di Gestione per il governo dei processi.
La tecnologia mette a disposizione Dati e Strumenti che rendono rapida ed efficace l'applicazione di metodi statistici di analisi, che apportano grandi benefici alle organizzazioni in termini di rapidità di intervento e di ritorni di investimento.
Durante il corso verranno approfonditi due argomenti: come utilizzare le banche dati pubbliche di dati disponibili (open data) per utilità aziendale, sia come integrare questi dati nel sistema informativo aziendale per generare conoscenza utile alla prevenzione dei rischi

Obiettivi

Trasferire le conoscenze necessarie a:
  • valorizzare l'analisi degli eventi a supporto delle attività di prevenzione, della valutazione e gestione dei rischi e dell’organizzazione della salute e sicurezza dei lavoratori
  • utilizzare le fonti dati pubbliche esterne all'azienda per migliorare la conoscenza necessaria alla gestione dei rischi
  • analizzare come integrare questi dati nel sistema informativo dei rischi aziendali per la prevenzione

  • A chi si rivolge il corso

    Datori di Lavoro, Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza, Dirigenti , Preposti e Lavoratori.

    Programma didattico

    Cause e dinamiche incidentali
  • Stato dell’arte: le fonti informative
  • Principali modalità incidentali registrate nel sistema produttivo italiano
  • Fattori di rischio negli eventi infortunistici/incidentali
  • Casi studio


  • Monitoraggio dei processi di salute e sicurezza:
  • L’analisi delle cause e dinamiche infortunistiche/incidentali per il monitoraggio della valutazione del rischio
  • Fattori tecnici e organizzativi negli eventi infortunistici/incidentali. Gestione e organizzazione dei processi del D.Lgs 81/08
  • Casi studio
  • Integrazione dei modelli di analisi nei SGSSL


  • Discussione

    Team building e creatività per il miglioramento della sicurezza sul lavoro

    Descrizione

    Valido per la formazione e aggiornamento di RSPP, ASPP, RLS, RLSA, Datori di Lavoro, HSE Manager

    La sicurezza nei luoghi di lavoro è un obiettivo che dipende moltissimo anche dalle capacità dei team di operare in modo coeso e sinergico in alcuni momenti cruciali della vita aziendale.
    Queste capacità sono legate all'attitudine delle persone, alla loro disponibilità a trovare soluzioni diverse, a lavorare in team, a reagire con equilibrio in situazioni complesse.

    La creatività è uno dei principali tasselli del percorso formativo Alfa Ambiente sugli Analytical Skills, che sono stati identificati dai più importanti enti di ricerca come una delle principali competenze del prossimo futuro. 


    Obiettivi

  • Sviluppare e favorire lo spirito di squadra e di collaborazione, valorizzando la professionalità e la diversità dei singoli;
  • Scoprire le opportunità connesse al confronto e alla condivisione;
  • Favorire la conoscenza e la costruzione di relazioni di fiducia tra i partecipanti, così da sviluppare senso di appartenenza al team;
  • Sviluppare la capacità e le abilità di lavorare in squadra, esaltando il valore ed il ruolo delle professionalità individuali e di team, responsabilizzando il gruppo per il raggiungimento degli obiettivi;
  • Formare i ruoli della sicurezza aziendale a sviluppare ed esercitare le principali abilità emotive e comportamentali a livello di team, per prevenire, riconoscere e gestire i rischi per la sicurezza delle persone nei luoghi di lavoro.


  • A chi si rivolge il corso

    Il corso si rivolge a tutte le organizzazioni; in particolare al personale tecnico e operativo dei Servizi Aziendali interessati.
    Valido per la formazione e aggiornamento di RSPP, ASPP, RLS, RLSA, Datori di Lavoro, HSE Manager

    Programma didattico

    Team Building
  • Lavorare in modo efficace ed efficiente in squadra: organizzazione, capacità, aspetti relazionali, senso di appartenenza, partecipazione
  • riconoscere ed influenzare le dinamiche di gruppo: capacità comunicative, comportamenti assertivi, capacità di negoziazione, gestione dei conflitti, capacità di risolvere problemi
  • orientamento al risultato e all’obiettivo
  • Gestione dei collaboratori: l’importanza di avere una comune visione, leadership


  • Pensiero Creativo
  • Le potenzialità del pensiero creativo e flessibile
  • L’arte come strumento di attivazione delle abilità creative
  • Il processo creativo come strumento di conoscenza di sé
  • Il ruolo dei processi creativi nelle dinamiche relazionali come strumento di confronto e condivisione
  • Il processo creativo per la costruzione di un team di lavoro coeso, attivo e sinergico
  • La sinergia tra pensiero logico-razionale ed emotivo-sensibile

  • Dirigenti - formazione alla sicurezza

    Descrizione

    In ottemperanza al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.
    Il corso per la formazione alla Sicurezza dei Dirigenti in modalità webinar è stato sviluppato in ottemperanza al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. e in linea con gli accordi stipulati in sede di Conferenza Stato-Regioni del 21/12/2011 e s.m.i., prevedendo i seguenti 4 moduli:
  • Giuridico – Normativo;
  • vGestione ed Organizzazione alla Sicurezza;
  • Individuazione e valutazione dei rischi;
  • Comunicazione, Formazione e Consultazione dei lavoratori.


  • Proponiamo un percorso formativo che prevede un approccio integrato e sistemico ai contenuti della sicurezza, esplorati nella loro valenza culturale ed analizzati relativamente alla coerenza dei processi organizzativi aziendali.
    Verrà altresì posta l’attenzione sul ruolo del Dirigente e sulle relative responsabilità nella gestione dell’operatività aziendale in tutte le sue forme, con particolare riguardo alla comunicazione messa in gioco all’interno del proprio gruppo di riferimento, e di come essa diventi necessariamente veicolo di cultura aziendale.

    Obiettivi

    Il corso consentirà ai partecipanti di migliorare la conoscenza del proprio ruolo in azienda, di comprenderne le sfaccettature, di riconoscere le implicazioni penali di cui tener conto e di possedere gli strumenti - cognitivi ed operativi - per l’assolvimento delle proprie funzioni.
    La partecipazione attiva del Dirigente sugli aspetti citati darà inoltre la possibilità di ottimizzare la gestione della sicurezza in Azienda e nelle aree operative.

    A chi si rivolge il corso

    Il corso è rivolto ai dirigenti, così come definiti dall’Art.2 c.1 lett.d del D.Lgs. 81/08.

    Programma didattico

    MOD. 1. GIURIDICO – NORMATIVO
  • Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori;
  • Gli organi di vigilanza e le procedure ispettive;
  • I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. n. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa;
  • La delega di funzioni;
  • La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa;
  • La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.;
  • I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti in edilizia;


  • MOD. 2. GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA
  • I modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (articolo 30, D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.);
  • La gestione della documentazione tecnico amministrativa;
  • Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
  • L’organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze;
  • La modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attività lavorative e in ordine all'adempimento degli obblighi previsti al comma 3 bis dell’art. 18 del D. Lgs. n. 81/08;
  • Il ruolo del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione.


  • MOD. 3. INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI
  • I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi;
  • Il rischio da stress lavoro-correlato;
  • Il rischio ricollegabile alle differenze di genere, età, provenienza da altri paesi e alla tipologia contrattuale;
  • Il rischio interferenziale e la gestione del rischio nello svolgimento di lavori in appalto;
  • Le misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio;
  • La considerazione degli infortuni mancati e delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori e dei preposti;
  • I dispositivi di protezione individuale;
  • La sorveglianza sanitaria.


  • MOD. 4. COMUNICAZIONE, FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI
  • Le competenze relazionali e la consapevolezza del ruolo;
  • L‘importanza strategica dell’informazione, della formazione e dell’addestramento quali strumenti di conoscenza della realtà aziendale;
  • Le principali tecniche di comunicazione;
  • Lavorare in gruppo e saper gestire i conflitti;
  • La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
  • La natura, le funzioni e le modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.


  • Test di valutazione finale.